venerdì 25 novembre 2011

LE PROFEZIE DI ALOIS IRLMAIER - Seconda Parte



Nella prima parte di queste profezie abbiamo letto la descrizione di una visione piuttosto dettagliata sullo scoppio di una Grande Guerra.
Proseguiamo con l’analisi delle profezie di questo veggente:

"... Le unità ammassate marciano dall’est a Belgrado e muovono verso l'Italia. In seguito tre cunei blindati avanzano immediatamente alla velocità della luce nel nord del Danubio sulla Germania Occidentale verso il Reno – senza alcun avvertimento preliminare.

Questo si verificherà così inaspettatamente che la popolazione fuggirà via dall'ovest nel panico. Molte macchine intaseranno le strade: avrebbero dovuto starsene a casa o non usare le strade principali. Tutto questo, che sarà un ostacolo per l'avanzare rapido dei carri armati su autostrade e altre strade veloci, sarà tolto di mezzo.

Non posso vedere più nessun ponte sul Danubio sopra Ratisbona. Difficilmente resterà qualcosa della grande città di Francoforte. La Valle del Reno sarà devastata, principalmente per via aerea. ..."

Direi che questa è una dettagliata descrizione di una dinamica di guerra che non necessita di ulteriori commenti…

Andiamo avanti:

"...Vedo tre avanguardie arrivare: la prima arriva attraverso la foresta, ma poi preme a nordovest lungo il Danubio. La linea è, ad esempio, Praga, la foresta di Bavaria e il nordovest. Il mare è il limite meridionale. La seconda avanguardia va da est a ovest sopra la Sassonia, la terza da nordest a sudovest.
Ora vedo la terra come una palla sotto di me, sulla quale emergono le linee degli aeroplani. Questi spiccano il volo dalla sabbia come sciami di piccioni.”

E finalmente, ciò che fino ad ora non era stato nominato, viene svelato.
Il profeta indica la provenienza del misterioso esercito:

I Russi non si arrestano da nessuna parte, mentre avanzano con i loro tre eserciti.
Giorno e notte corrono allo scopo di raggiungere la Regione della Ruhr, dove ci sono molti fornaci e camini…

Se state pensando ai forni crematori e ad una profezia della Seconda Guerra Mondiale vi fermo subito.

Nessun campo di sterminio era presente nella Ruhr, né i Russi l’hanno mai invasa (furono invece il Regno Unito e gli USA).

La Ruhr comprende l'area europea nella quale la concentrazione economica e finanziaria è più sviluppata. È un immenso agglomerato di edifici industriali che lavorano le materie prime e producono semi-lavorati (siderurgia, metallurgia, industrie chimiche) e offrono grandi possibilità di lavoro.
Ecco, in questa foto della zona, le fornaci e i camini (industriali) di cui probabilmente parla il profeta.



Inoltre subito dopo la profezia parlerà del “Drago Giallo” che invade Alaska e Canada… il che esclude che si parli della Seconda Guerra Mondiale. Per non parlare dei Tre Giorni di Buio, citati più avanti.

"La seconda avanguardia viene in direzione ovest sulla Sassonia verso la Regione della Ruhr, esattamente come la terza, che va da nordest verso la conquista di Berlino.
Giorno e notte i russi corrono, inesorabilmente il loro obiettivo è la Regione della Ruhr.”
"Immediatamente la risposta arriva dal mare.” (la coalizione d'Occidente… N.d.r.)

“Tuttavia il drago giallo invade in Alaska e Canada contemporaneamente.
Ma non va lontano… "

(Il Drago Giallo è forse la Cina? E' la probabile seconda grande potenza nella coalizione orientale e citata con svariati nomi dalle diverse fonti profetiche).

Ora il veggente parla di una strana arma chimica o batteriologica.

“Vedo la terra come una palla sotto di me, su cui ora i piccioni volano, un numero molto grande sale dalla sabbia. Ed allora piove una polvere gialla in linea retta.
Quando la città d'oro (Praga N.d.r.) è distrutta, tutto ha inizio.
Come una linea gialla che va dalla città alla baia.
Sarà una notte chiara, quando cominceranno a gettarla.
I carri armati stanno ancora funzionando, ma quelli seduti in questi carri armati sono diventati quasi neri.
Dove cade, tutto sarà morto, nessun albero, nessun cespuglio, nessun animale, nessun vegetale, che diventa appassito e nero.
Le case esistono ancora.
Io non so, cosa sia non posso dirlo. È una lunga linea. Chi supera questa linea, muore. Chi è su un lato non può andare dalla parte opposta.

Quindi tutto davanti a questi eserciti si guasta.
Tutti devono andare al nord. le cose che hanno con loro, le buttano via.
Nessuno ritornerà più…"

“Gli aeroplani lasciano cadere una polvere gialla tra il Mar Nero e il Mare del Nord. Così una linea di morte viene creata, dritta dal Mar Nero al Mare del Nord, grande quanto metà Baviera.
In questa zona nessuna pianta può crescere, tanto meno possono vivere gli esseri umani.
Il rifornimento russo è interrotto…"

Da qui deduciamo che l’arma è stata lanciata dalla coalizione Occidentale, sulla quale, supponiamo, governa l’Anticristo e la gerarchia degli Illuminati.

Gli stessi Illuminati che erano dietro al Nazismo (correlazione citata anche nelle profezie di Papa Giovanni XXIII) e che, dopo la “farsa” di Norimberga, sono passati in Occidente, continuando a perseguire i loro scopi, le loro ricerche (di armi e altro), apparentemente interrotte.

Scrive Papa Giovanni XXIII nelle profezie, parlando della Seconda Guerra Mondiale:

"E dove arrivano stivali e chiodi i figli di Israel conoscono l'affanno. Ovili per il loro dolore e morte sottile.
I carnefici sanno, a Norimberga mentiranno.
Cercateli sempre i carnefici, anche quando li crederete morti. Cercateli ovunque vive il potere con il terrore. Cercateli nelle case di chi si è arricchito con la guerra.
Non per la vendetta, ma per impedire che essi e i loro figli invadano ancora il mondo simulando la parola e il capo.
Si tacerà dell'Italia, ma i suoi uomini sono complici. Il figlio della Bestia ha in cuore la grande arma.”

Nelle profezie “il figlio della Bestia” è Hitler, che aveva in cuore “la grande arma”.
Opera ripresa ed attuata da una nazione che tutti conosciamo: gli USA.

Continua nella terza parte

2 commenti:

  1. Ciao, riprendo una frase che vorrei spiegare meglio: "Immediatamente la risposta arriva dal mare.” (la coalizione d'Occidente… N.d.r.).
    Secondo me, chi lancia questa offensiva potrebbe essere Israele :
    1) la risposta arriva dal mare, dal Mar Nero, da sud-est verso nord-ovest,
    2) "un gran numero di aerei sale dalla sabbia" (Irlmaier)
    3) "Israele accorre alla città d'oro (Praga) e la salva" (Giovanni XXIII)
    Detto ciò, perché la Russia, per rappresaglia, attacca ed affonda la Gran Bretagna?
    Ma siamo poi sicuri che si tratti della Gran Bretagna? Anche perche Irlmaier non lo dice da nessuna parte con chiarezza:
    - “C’è un terremoto e metà della grande isola affonderà”
    - “Una parte dell’isola orgogliosa affonda quando il pilota lascia cadere quella cosa in mare”
    Si lo so, l'Inghilterra è conosciuta ancohe come un'isola orgogliosa, ma se fosse un’altra isola? Creta? Cipro?
    E se fossero più bersagli:
    - “Vedo tre città affondare nel sud, nel nord-ovest e nell'ovest.” (Irlmaier)
    Boh, scusami, ho solo domande e poche risposte, ma non demordo.
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao YMan,

      in realtà Irlmaier nomina proprio l'Inghilterra all'inizio della descrizione dell'evento, poi continuando usa degli appellativi, ma inizialmente dice:

      "Un singolo aeroplano, che viene dall'est, getta qualcosa in mare.
      Quindi l'acqua si solleva in alto come una torre e ricade.
      Tutto è inondato. C'è un terremoto. La parte meridionale dell'Inghilterra scivola nell'acqua."

      Le "tre città che affondano nel sud", invece, potrebbe riguardare un altro evento, forse correlato al disastro naturale che causerà le 72 ore di oscurità. In effetti viene citato dopo la descrizione dei tre giorni di buio, anche se non significa necessariamente che sia un evento temporalmente susseguente o correlato, stesso discorso per la guerra civile a Parigi descritta dal veggente sempre in quel contesto.
      Concludendo... si, è l'Inghilterra, mentre per le tre città potremmo speculare su diversi indizi, ma, alla fine, è un dettaglio di scarsa rilevanza nel quadro generale. Un saluto!

      Elimina